ON CONFLICT – SUL CONFLITTO

F1000024 copia

 

Sono nata nel 1970 in Italia, cresciuta nel bel mezzo degli anni di piombo. In un giorno della terza elementare, la maestra ci annuncio’ la morte di Aldo Moro, non si parlava di altro da settimane nei telegiornali che in casa vedevo ancora in bianco e nero. Le Brigate Rosse, i terroristi, erano il nemico eppure qualcosa non riusciva a convincermi, non li sentivo cosi’ pericolosi come raccontavano intorno a me gli adulti. Non ero una particolare amante del gioco della guerra, né delle pistole, adoravo le mie bambole, eppure il sapere che nella mia cittadina risiedevano dei terroristi, che si erano trovati fucili e pistole in una villa vicino alla mia scuola non mi spaventava, anzi, mi affascinava. Crescendo ho imparato a ricevere le informazioni dei mass media in maniera critica e a forzarmi di avere una personale opinione sulle cose, cercando di trovare il modo di guardarle da vicino, ascoltando i pensieri pro e contro, parlando con le persone.

Forse è da questo particolare modo di crescere ed imparare che viene questa mia curiosità, a volte la chiamerei necessità, di guardare da vicino le cose per poter formare un pensiero “originale”, un pensiero che sia mio. E’ questo desiderio di conoscenza che mi ha portato a scegliere alcune destinazioni di viaggio in città o Stati dove grandi conflitti durano da decenni o da millenni, là dove le ragioni si confondono con la religione, là dove le condizioni politiche e finanziarie portano a descrivere gli avvenimenti in maniera non imparziale.

In ogni caso non c’e’ mai una sola verità. Per quanto ci sforziamo di essere obbiettivi, non c’e’ modo di esserlo perchè non c’e’ modo di annullare il nostro pensiero, i nostri precetti etici, morali o religiosi, le nostre emozioni, la nostra storia personale.  Il mio lavoro è intuitivo, un punto di vista, uno sguardo consapevolmente soggettivo su soggetti complessi e difficili da ridurre ad una semplice definizione, difficili da giudicare per chi non vive giornalmente a contatto con quella realtà.